Inaugurata la 3SUN HJT Factory

Alla cerimonia è intervenuto anche il rettore Francesco Priolo

25 Ottobre 2019
Alfio Russo

E’ stata inaugurata oggi la nuova linea di produzione di 3SUN, la fabbrica di Enel Green Power per la fabbricazione dei pannelli fotovoltaici bifacciali di tipo HJT, basati sulla tecnologia a eterogiunzione che coniuga due tipi diversi di silicio, l’amorfo e il cristallino. A dare il via alla produzione sono stati il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, il Sindaco di Catania, Salvo Pogliese, il responsabile di Enel Green Power, Antonio Cammisecra e il responsabile di 3SUN, Antonello Irace.

Tra i presenti anche il rettore dell'Università di Catania, prof. Francesco Priolo.

Si completa così il progetto di riconversione tecnologica della fabbrica 3SUN 2.0. Partito nel secondo trimestre del 2018 e suddiviso in tre fasi, con l’obiettivo di portare “La fabbrica del sole” di Enel Green Power a operare in regime di ciclo continuo, 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno e a produrre 1.400 pannelli al giorno per un totale di circa 500 mila pannelli l’anno.

Antonio Cammisecra, CEO di Enel Green Power ha commentato: “L’avvio di questa nuova linea di produzione costituisce un traguardo significativo e fortemente voluto da Enel Green Power: abbiamo creduto e investito in questo progetto altamente innovativo facendo risaltare un’eccellenza industriale italiana nel panorama globale, soprattutto in un settore competitivo come quello dell’energia solare. Proseguiremo con il nostro impegno per la ricerca e lo sviluppo di questa tecnologia con l’obiettivo di migliorarne ulteriormente le prestazioni, la sostenibilità e la competitività, con la certezza di rappresentare un avamposto tecnologico mondiale del settore fotovoltaico”

Antonello Irace, responsabile 3SUN ha commentato: "Siamo i primi nel mondo a produrre su scala industriale pannelli fotovoltaici basati sull’innovativa tecnologia bifacciale ad eterogiunzione “HJT”. Ci auguriamo di fare da volano a tutta l’industria del settore e, promuovendo l'innovazione della tecnologia fotovoltaica, vogliamo trasformare l'energia solare in una soluzione pragmatica di energia pulita ovunque splenda il sole".

I pannelli fotovoltaici con struttura bifacciale hanno un’efficienza di oltre il 20% e una potenza nominale pari a 400W. La “bifaccialità” permetterà di catturare la radiazione solare anche dalla superficie posteriore e ottenere una maggiore produzione di energia superiore al 30%. Inoltre, mentre i precedenti moduli garantivano un ciclo di vita fino a 25 anni, i nuovi pannelli possiedono una robustezza tale da consentire una durata superiore a 35 anni, con alte prestazioni anche in situazioni climatiche estreme.

Un salto tecnologico che permette all’impianto di Catania di raggiungere una capacità produttiva nominale di circa 200 MW all’anno e di aggiudicarsi il primato come impianto di produzione fotovoltaica più automatizzato al mondo in cui lavorano più di 300 addetti e con un indotto di oltre 600 persone. L’obiettivo è quello di riuscire a superare nei prossimi cinque anni, grazie alla costante innovazione tecnologica, il limite teorico d’utilizzo del silicio e raggiungere un’efficienza superiore al 28%.

L’investimento è stato finanziato in parte da programmi europei di ricerca e innovazione (Horizon 2020), in parte dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione Sicilia e da agevolazioni per lo sviluppo della fabbrica intelligente 4.0.

UniCT ed Enel Green Power hanno intrapreso da anni un percorso condiviso di ricerca e sviluppo in vari campi. In particolare nel 2017 hanno siglato un accordo quadro per le attività di formazione e ricerca che ha già portato al finanziamento da parte di EGP di diverse borse di dottorato. In particolare con la fabbrica di moduli fotovoltaici di silicio bifacciale, la 3SUN appunto, sono in atto rapporti basati sia su contratti di ricerca commissionati da 3SUN per lo studio di nuovi materiali, che progetti nazionali come il PON BEST-4U finalizzati all'innovazione di materiali e tecnologie per l'aumento dell'efficienza delle celle fotovoltaiche di silicio bifacciale. In modo particolare, il PON BEST-4U mira a realizzare celle tandem a 4 terminali che abbiamo come cella superiore una a film sottile semitrasparente (ad esempio usando le perovskiti) che assorba efficacemente la luce più energetica e lasci passare quella meno energetica che verrà assorbita dalla cella sottostante di Silicio cristallino che, essendo bifacciale, assorbirà anche la luce riflessa dal terreno. I gruppi di ricerca di fisica, chimica ed ingegneria di UniCT lavorano in piena sinergia con lo staff di EGP al fine di consolidare ed ampliare sul nostro territorio i proficui rapporti già in essere. L'università diCatania è anche partner, nell'ambito del PV SET Plan (insieme ad altre università, CNR e aziende) di un'idea progettuale che vuole investire fortemente su Catania come luogo priviliegiato per lo sviluppo della tecnologia per l'energia fotovoltaica.