Prove di accesso ai corsi a numero chiuso, domani mattina la carica degli aspiranti medici

5 Settembre 2016

Oltre 2600 candidati per 248 posti in Medicina e Chirurgia e 20 in Odontoiatria. Domani mattina, martedì 6 settembre, alle 8, scocca l’ora x per i numerosi candidati iscritti alla prova unica di accesso

al primo anno dei corsi di laurea magistrale a ciclo unico di area medica dell’Università di Catania, con numero programmato nazionale. L’appuntamento è al centro fieristico Le Ciminiere di Catania, dove verranno svolte preliminarmente le operazioni di riconoscimento.

Prima dell’accesso ai locali dove si svolgerà la prova, tutti i candidati – che dovranno obbligatoriamente presentare un documento di riconoscimento in corso di validità - saranno sottoposti ad attento controllo.  Non è infatti consentito introdurre penne, borse, zaini, libri, appunti, carta, telefoni cellulari, calcolatrici palmari o altra strumentazione similare, pena l’annullamento del test, a prescindere dal loro effettivo utilizzo.

Successivamente le 2618 aspiranti matricole saranno distribuite nei vari settori in base alla data di nascita, dal più giovane al più anziano. A partire dalle 11 i candidati dovranno cimentarsi con 60 domande a risposta multipla - di cui una sola esatta - su argomenti di cultura generale (2 quesiti), ragionamento logico (20), biologia (18), chimica (12), fisica e matematica (8): 100 i minuti complessivi a disposizione.

Per ogni risposta esatta guadagneranno 1,5 punti, 0 punti per ogni risposta non data, verranno invece penalizzati di 0,4 punti per ogni risposta sbagliata: il massimo ottenibile è quindi 90 punti, il punteggio minimo per essere inseriti in graduatoria è 20.

I risultati dei test saranno pubblicati sul sito internet dedicato del ministero (http://accessoprogrammato.miur.it) il 20 settembre prossimo, il 4 ottobre nell’area riservata agli studenti del portale Universitaly sarà invece pubblicata la graduatoria nazionale di merito nominativa.

Ufficio Comunicazione e Stampa
Università di Catania
Giuseppe Melchiorri