Lauree magistrali biennali, in aumento i corsi ad accesso libero per gli iscritti dell’Ateneo catanese

Domande di ammissione entro il 15 settembre, da quest’anno procedure semplificate per la verifica della preparazione
5 Agosto 2016

La vera novità dell’offerta formativa dell’Università di Catania per l’anno accademico 2016-17 riguarda l’introduzione dell’accesso libero per numerosi corsi di laurea magistrale di durata biennale - in precedenza a numero programmato -, e la semplificazione delle procedure relative alla verifica dei requisiti curriculari e delle competenze per le aspiranti matricole di tali corsi. Un impegno, questo, che l’Università di Catania ha voluto sostenere per venire incontro alle esigenze di numerosi laureandi e laureati delle triennali, provenienti anche da altri atenei, fornendo loro valide e agevoli opportunità di studio.

I corsi di laurea magistrale che da quest’anno sono ad accesso libero sono Filologia moderna, Lingue e letterature comparate, Lingue per la cooperazione internazionale; Politica globale e relazioni euromediterranee (Glopem), Scienze delle pubbliche amministrazioni, Internazionalizzazione delle relazioni commerciali, Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali, Storia e cultura dei paesi mediterranei; Scienze geologiche e Scienze geofisiche. In totale, sono così 35 i corsi magistrali senza sbarramento ma sottoposti soltanto a una verifica dei requisiti curriculari con eventuale colloquio aggiuntivo per l’accertamento della preparazione.

Quattordici sono invece quelli a numero programmato: Biotecnologie agrarie, Psicologia, Chimica dei materiali, Chimica organica e bioorganica, Chimica biomolecolare, Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative, Scienze e tecnologie agrarie, Scienze e tecnologie alimentari, Salvaguardia del territorio, dell'ambiente e del paesaggio, Scienze pedagogiche e progettazione educativa, Sociologia, Scienze infermieristiche e ostetriche, Scienze riabilitative delle professioni sanitarie e il corso in Biotecnologie mediche, di nuova istituzione.

Al primo anno dei corsi di laurea magistrale ad accesso libero (o numero non programmato) possono accedere tutti i candidati in possesso del titolo di laurea, di diploma universitario o di untitolo di studio conseguito all’estero e ritenuto idoneo dal competente Consiglio di corso di studio, che possiedano anche i requisiti curriculari prescritti per ciascun corso di studio.

La semplificazione delle procedure di ammissione consiste soprattutto nella verifica dell’adeguatezza della preparazione personale: a differenza dello scorso anno, quando era previsto un colloquio obbligatorio con eventuale assegnazione di debiti formativi da recuperare, questa avverrà a cura della commissione soltanto sulla base dell’analisi del curriculum; solamente se ritenuto necessario, si procederà con un colloquio individuale (i colloqui si terranno dal 28 settembre all’8 ottobre). Per i corsi ad accesso libero, non è previsto il pagamento di alcun contributo, salvo nel caso in cui si renda indispensabile il colloquio di approfondimento (20 euro, che saranno addebitati sulla prima rata delle tasse d’iscrizione).

Inoltre, potranno essere ammessi – ma con riserva – anche gli studenti laureandi, dell’Università di Catania o provenienti da altri atenei: tale ‘status’ si applica a coloro i quali, alla data di scadenza dei termini di ammissione (15 settembre 2016), non abbiano ancora conseguito il titolo di studio richiesto e non abbiano ancora acquisito tutti i requisiti curriculari previsti. La condizione è che entro il 10 ottobre 2016 abbiano conseguito almeno 150 crediti.

Per quanto riguarda i corsi di laurea magistrale a numero programmato, oltre a possedere il titolo di studio e i requisiti curriculari, i candidati dovranno invece affrontare una prova di ammissione (le date stabilite sono già indicate nel bando) finalizzata a verificare l’adeguata preparazione personale, cercando di collocarsi in posizione utile nella graduatoria finale. La domanda e il pagamento della tassa di partecipazione (40 euro) dovranno essere effettuati entro il 15 settembre 2016. Anche in questo caso, potranno concorrere alla selezione gli studenti laureandi, dell’Università di Catania o provenienti da altri atenei, a patto che abbiano conseguito almeno 150 crediti entro il 10 ottobre: superando la selezione, potranno poi iscriversi con riserva.

Ufficio Comunicazione e Stampa
Università di Catania

Mariano Campo