Viva lo smart working

Intervento del prof. Maurizio Caserta sui costi e benefici del lavoro agile e sul cambiamento della geografia delle attività commerciali, culturali e ricreative

24 Aprile 2020
*Maurizio Caserta

In un’economia non conta solo quali e quanti beni e servizi vengono prodotti e scambiati, ma anche quando e dove ciò avviene. La pandemia ci ha insegnato che le distanze fisiche e le distanze temporali contano. Se qualcosa serve adesso e qui, può fare la differenza sapere che la sua produzione avviene a poca distanza. Abbiamo anche imparato che a volte è bene che le distanze siano grandi. Se qualcosa è prodotta a grande distanza, non sorgeranno tutti i problemi legati al contatto fisico ravvicinato. Insomma abbiamo scoperto che a volte è bene essere vicini, ma a volte è bene essere lontani. Si tratta di trovare di volta in volta la ‘misura’ corretta.

La corretta misura

Il cosiddetto smart working delocalizza la produzione dei servizi al di fuori dei tradizionali luoghi di produzione. È quindi una misura che accentua le distanze dal luogo della erogazione dei servizi finali. Nelle circostanze di una pandemia questa misura è stata ritenuta utile in molti luoghi di lavoro per ridurre gli effetti dannosi della concentrazione dei lavoratori. Gli effetti dannosi, il contagio, di tale delocalizzazione sono stati talmente evidenti che non è stato necessario fare un calcolo dei costi e dei benefici. I vantaggi superavano abbondantemente i costi. In circostanze non estreme, bisognerà rifare i calcoli per capire quali sono i costi e i benefici.

Costi e benefici

I profili cui bisogna prestare attenzione per calcolare i vantaggi netti dello smart working sono diversi. I principali riguardano la qualità dei servizi erogati, la loro efficienza, il benessere dei lavoratori. Se la qualità dei servizi cresce, se il costo di produzione si riduce e se i lavoratori stanno meglio, sarà bene adottarlo in modo stabile. Ma se anche solo uno di questi profili peggiora a seguito della delocalizzazione, bisognerà far bene i calcoli per vedere se i vantaggi sono così rilevanti da compensare i costi.

Questo calcolo tuttavia è un calcolo troppo angusto; non tiene conto di una serie di effetti indotti che possono sia migliorare sia peggiorare il quadro generale. La scelta della delocalizzazione allenterà la pressione sulle città, sui mezzi di trasporto, riducendo gli effetti esterni negativi di quella pressione, ma allenterà anche la pressione sulle attività economiche fortemente dipendenti proprio dalla concentrazione dei lavoratori in una certa zona delle città, mettendole in difficoltà. Queste non godranno più di una domanda stabile legata ai flussi giornalieri dei lavoratori.  Quella domanda si sposterà nelle parti periferiche della città o nelle piccole città di provincia, dove i lavoratori risiedono. La geografia delle attività commerciali, culturali e ricreative cambierà.

Un’altra geografia, altre economie

Quest’ultima non è una cattiva notizia. Come ha dimostrato la tragica pressione sugli ospedali nel nord del paese, i problemi si curano a monte. Si scende a valle solo nei casi estremi. In quel caso è stata assente la medicina territoriale, quella più vicina ai malati.

Più in generale ha fallito il modello per il quale tutte le attività sono concentrate nell’area che garantisce la maggiore efficienza. Questo modello è definitivamente superato.

È smart working lavorare da casa, ma anche lavorare nella propria regione. Sicuramente si perderanno le economie di scala; ma si guadagneranno le economie di prossimità, quelle economie che rispettano la diversità e sanno fornire ciò che veramente serve alle famiglie ed alle imprese.

Viva lo smart working.

Maurizio Caserta

*Maurizio Caserta, ordinario di Economia Politica del Dipartimeno di Economia e Impresa dell'Università di Catania

 


Sull'argomento "Emergenza Covid-19" leggi anche:
Il contributo dell'Università di Catania
10/07/2020 L’Università di Catania incontra il mondo imprenditoriale
09/07/2020 Le prime lauree in presenza dopo l’emergenza sanitaria
29/06/2020 “Pillole di Museo”, tour virtuali alla scoperta del patrimonio museale dell’Università di Catania
27/06/2020 Mascherine testate dall’Anti-Covid Lab hanno ottenuto la certificazione dell'ISS
22/06/2020 La specializzazione dei saperi nell'era del post Covid-19
29/05/2020 Orientamento, da luglio il corso di preparazione ai test di ammissione ai corsi di area medica
28/05/2020 Emergenza Covid, mascherine per il personale dell’Università di Catania
27/05/2020 Tremila litri di igienizzante dall’Università di Catania a Bergamo e Somaglia
27/05/2020 Di3A, continuano le visite tecniche virtuali
26/05/2020 Lo ‘speaker’ degli Open Days
21/05/2020 Open Days, concluso l’evento di orientamento per chi vuole iscriversi all’Università di Catania
21/05/2020 “A Catania turismo è…”: Baudo, Parmitano e altri catanesi testimonial di uno spot per la città
19/05/2020 Open Days, oggi la seconda giornata dedicata ai dipartimenti dell’area delle Scienze della Vita
18/05/2020 Economia, nuove ‘videopillole’ sugli effetti di Covid-19
18/05/2020 Open Days Unict 2020, inaugurato l’evento on line dedicato a chi vuole iscriversi all’Università
18/05/2020 Covid-19, Policlinico e Unict in prima linea nello studio nazionale sul plasma
18/05/2020 #LaMiaVita Dopo Il Covid
14/05/2020 Open Days “online”, l’Università di Catania si presenta alle future matricole
13/05/2020 CInAP, uno “sportello virtuale” per le future matricole con disabilità e Dsa
11/05/2020 Microsoft Live Edu, la didattica a distanza e la risposta dell’Ateneo alla crisi ‘Covid-19’
09/05/2020 Video ‘pillole’ di Economia sui problemi derivanti dall’emergenza Covid-19
06/05/2020 Trasferimento da altri atenei, ecco il bando Unict
05/05/2020 “Fase 2” in Ateneo, emanate le indicazioni per la didattica e il rientro negli uffici
05/05/2020 La Formazione non si ferma: “Distanti, ma vicini”
02/05/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, 2000 mascherine FFP3 per gli ospedali catanesi
30/04/2020 Proroga tasse e accesso ai corsi di laurea, due novità in arrivo
29/04/2020 Sostenibilità nella gestione d’impresa al tempo di Covid-19
28/04/2020 Tre docenti etnei nella Commissione di esperti del Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027
09/04/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, già raccolti 60 mila euro per gli ospedali catanesi
08/04/2020 Nascere ai tempi del Coronavirus
06/04/2020 CInAP, attivi tutti i servizi a supporto degli studenti diversabili e con Dsa
01/04/2020 Accordo Ersu-Unict, la residenza Toscano-Scuderi alloggio temporaneo per medici e specializzandi
31/03/2020 Al “San Marco” aprono i reparti di Clinica medica e Pneumologia
27/03/2020 “UNICT aiuta chi ti aiuta”, l’ateneo a sostegno degli ospedali catanesi
24/03/2020 L’Università di Catania produrrà soluzione disinfettante per la Protezione civile regionale
20/03/2020 Antonella Agodi nel Gruppo di lavoro "Prevenzione e Controllo delle Infezioni" dell'Iss
06/03/2020 Da lunedì al via la didattica on line
Interventi
01/07/2020 Cosa abbiamo imparato dal COVID-19?
04/06/2020 Il Brasile, la modernità e la pandemia
03/06/2020 Il “virus” che abbiamo sempre avuto
01/06/2020 Cosa abbiamo imparato da un semestre di didattica a distanza?
08/05/2020 Una giornata per il futuro dell’Europa e degli europei
06/05/2020 Progettare la mobilità studentesca al tempo del Covid-19: verso una Smart Student Mobility
04/05/2020 Covid-19 e mobilità: cause, effetti e soluzioni
30/04/2020 Musei e parchi archeologici tra fruizione e Coronavirus
29/04/2020 La dimensione territoriale del CoViD-19 tra crisi e opportunità
28/04/2020 Innovazione e Covid-19
25/04/2020 Epidemie, contagi e paesaggi narrativi
25/04/2020 Perché la Dad non è didattica
22/04/2020 Comunicazione istituzionale e gestione delle crisi
21/04/2020 Il Data Tracking ai tempi del CoVID-19
21/04/2020 Economia circolare sostenibile. Un modello per guidare la ripartenza
20/04/2020 La pandemia e gli animali che riconquistano le città
18/04/2020 Teledidattica, inatteso cambiamento metodologico della didattica a scuola e all'Università?
17/04/2020 Lo smart working ai tempi del Covid-19 e oltre
16/04/2020 #auguridopopasqua
14/04/2020 Cosa cambierà nella didattica universitaria
11/04/2020 Turismo, gli effetti del lock-down
11/04/2020 Bambini e genitori in isolamento: quali problemi psicologici?
08/04/2020 Coronavirus tra politica e Diritto internazionale
07/04/2020 Sport e studenti tra lezioni, esami e attività fisica
Ricerca
29/05/2020 Gli italiani e l’informazione durante il lockdown
19/05/2020 L'impatto della pandemia nell'età pediatrica
17/05/2020 Medicina del lavoro tra SARS-CoV-2 e operatori sanitari
14/05/2020 Covid-19: nuovo approccio farmacologico evidenziato da ricerca internazionale
09/05/2020 “Distantia”, l’app di Unict per il distanziamento
08/05/2020 Un modello computazionale riproduce “in silico” il decorso del Covid-19
08/05/2020 Covid-19 e Intelligenza artificiale: nuove soluzioni per misurare il corretto “Social Distancing”
06/05/2020 Nuovi Dispositivi di protezione individuale "facciale" al personale medico-sanitario
29/04/2020 Covid-19, effetti diversi su uomini e donne: ricerca Unict prova a spiegare il perché
18/04/2020 Un modello epidemico per stimare positivi non identificati
16/04/2020 Anti-Covid Lab, via libera dell'ISS ai test su mascherine chirurgiche a uso medico
10/04/2020 Uno studio sulle possibili cause della diversa diffusione in Italia
09/04/2020 A fine aprile solo pochi contagi
05/04/2020 Policlinico, al via lo screening ematico per scoprire gli anticorpi del virus
31/03/2020 A Catania nasce “Anti_Covid-Lab” per testare tessuti per mascherine e Dpi
22/03/2020 I sensori del progetto “Mediwarn” a supporto della gestione dell’emergenza
13/03/2020 L’Università di Catania avvia la distribuzione di una soluzione igienizzante