Ritorna il laboratorio d'Ateneo "I Paesaggi delle mafie"

Riprende anche quest'anno il progetto "OrtInsieme", spazio a San Giovanni Galermo da adibire a orto, parco giochi e zona relax per i genitori

26 Marzo 2018

Da ben quattro anni abitanti di San Giovanni Galermo, mamme, bambini, studenti, ricercatori e professori assieme danno vita al laboratorio "I paesaggi delle mafie" che si fa incubatore di discipline e di esperienze sul campo con l'obiettivo di assumere maggiore consapevolezza dei meccanismi mafiogeni presenti nel territorio locale.

Anche questa edizione è organizzata dai dipartimenti di Ingegneria Civile e Architettura e di Scienze della Formazione, nella cornice dei "Laboratori d'Ateneo Territorio, Ambiente e Mafie - in memoria di Giambattista Scidà" e riprende il cammino già tracciato gli anni passati.

Si riparte con l’esperienza del progetto “OrtInsieme”, nel "Punto Luce - Save the Children" di San Giovanni Galermo. I partecipanti sono già al lavoro. Il primo incontro operativo è avvenuto giorno 1 febbraio 2018.

Durante le attività del laboratorio gioco e lavoro si intrecciano - nel rispetto dell’ambiente e nella ricerca della bellezza - e mamme e studenti sono chiamati ad osservare, a contaminarsi, a ragionare e ad esperire paesaggi altri rispetto a quelli prodotti dall'azione delle mafie. Il percorso intrapreso diviene occasione per studiare, sperimentare in prima persona e costruire pratiche condivise di Antimafia Attiva.

L'esperienza è raccontata attraverso il sito del laboratorio, gestito dagli studenti, che più che un mero diario, ambisce a diventare un luogo virtuale di dibattito e crescita collettiva. Per comprendere quanto si è fatto e quanto ancora c’è da fare è possibile conoscere anche le esperienze degli anni passati, tra cui la partecipazione al contest UNISCAPE-"Landscapes of the Future"  con il video “Suburbs need beauty”.