Ricercatori, oltre 100 assunzioni entro il 2018

L’Associazione dei Ricercatori a Tempo Determinato plaude al rettore Francesco Basile per il piano di reclutamento

8 Luglio 2017
Associazione dei Ricercatori a Tempo Determinato

La sede locale dell’Associazione dei Ricercatori a Tempo Determinato (ARTeD) plaude al magnifico rettore dell’Università di Catania, prof. Francesco Basile, che con la sua amministrazione, ha appena avviato un massiccio piano di reclutamento di Ricercatori a tempo determinato (RTD) che prevede l’assunzione di oltre 100 unità entro la fine del 2018.

Al fine di favorire una crescita sempre maggiore dell’Ateneo catanese, l’amministrazione attuale, in continuità con quella precedente, ha di recente bandito circa 50 posti di Ricercatori a tempo determinato ponendo così l’Università di Catania tra le realtà più virtuose a livello nazionale in termini di reclutamento. Una boccata di ossigeno per i numerosi precari della ricerca che da anni sostengono con impegno, determinazione e passione le attività di didattica e ricerca dell’Ateneo.

Il ricercatore a tempo determinato è una figura introdotta nel 2010 con la legge 240/2010 (legge Gelmini) che sostituisce ormai la terza fascia del ricercatore a tempo indeterminato. Questa normativa prevede l’istituzione di due figure: la prima, Ricercatori a tempo determinato A (destinato ai dottori di ricerca), di durata triennale con eventuale proroga di 2 anni; la seconda, Ricercatori a tempo determinato B di durata triennale e con tenure track che prevede la stabilizzazione attraverso l’inquadramento nel ruolo di professore di seconda fascia previo conseguimento dell’Abilitazione scientifica nazionale. Pertanto, nelle intenzioni del legislatore, la riforma aveva principalmente lo scopo di fissare tempi certi, attraverso un percorso unico (Rtd A + Rtd B), per la stabilizzazione dei molti giovani - e non - precari meritevoli del mondo accademico nazionale.

In questa ottica, l’amministrazione del nostro Ateneo ha avviato un percorso lungimirante di crescita dell’organico attraverso l’assunzione di 100 Rtd A, che garantiscono di fatto l’introduzione di nuova linfa vitale per la didattica e la ricerca, e la possibilità agli Rtd A esistenti di accedere, in maniera stabile, ai ruoli dei professori universitari attraverso il bando di un cospicuo numero di Rtd B nei settori dove sono presenti Rtd A in scadenza di contratto e/o abilitati.

Per tali motivi, la sede locale di ARTeD Catania guarda con profonda fiducia l’operato del rettore Basile e auspica il proseguimento delle azioni finora condotte e sostenute. 

Associazione dei Ricercatori a Tempo Determinato (ARTeD)