Dsps, nuovi progetti di alternanza scuola-lavoro

Studenti del Galilei di Catania impegnati in un progetto sulla cooperazione internazionale

24 Ottobre 2017
U.S.

Il dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, sulla base della convenzione sottoscritta dall’Ateneo di Catania, ha proposto per il secondo anno consecutivo alcuni progetti di alternanza scuola-lavoro (L.107/2015).

A partire dal 25 ottobre e fino al 31 ottobre il dipartimento ospita gli studenti della classe IVB del liceo scientifico statale Galileo Galilei di Catania per la realizzazione del progetto “Esperto in Cooperazione Internazionale” i cui referenti sono la prof.ssa Delia La Rocca, presidente del corso di laurea triennale in Storia, politica, relazioni internazionali, la prof.ssa Francesca Longo, docente di Politica dell'Ue e politiche pubbliche, e il prof. Luca Ruggiero, presidente del corso di laurea magistrale in Global Politics and Euro-Mediterranean Relations.

Avendo tra i suoi compiti istituzionali l’alta formazione e l’avviamento degli studenti al mondo del lavoro, il Dsps ha ritenuto infatti opportuno, se non doveroso, proporsi come Ente ospitante per le attività di alternanza scuola-lavoro. Le attività sono coordinate dalla prof.ssa Giorgia Costanzo, la gestione amministrativa è affidata alla dott.ssa Patrizia Franco.

Il progetto ha l’obiettivo di delineare aspetti professionali inerenti la cooperazione internazionale e gli approcci di tipo collaborativo, per promuovere i diritti umani e sostenere lo sviluppo economico, sociale e ambientale. Il programma, articolato in cinque giornate, prevede workshop sul tema della consapevolezza sociale e abbattimento degli stereotipi (proff. Guido Nicolosi e Rossana Sampugnaro), simulazioni di colloqui di lavoro nelle organizzazioni internazionali (dott. Malogioglio) e laboratori “Dreaming out Loud” per la realizzazione di video sulla comunicazione non violenta e accoglienza dei rifugiati a cura della Ong CO.P.E.(Cooperazione Paesi Emergenti).

Tramite la partecipazione ai laboratori, gli studenti avranno così la possibilità di acquisire e sviluppare nuove competenze, mettere alla prova le proprie attitudini, proseguire i processi di apprendimento in modalità e situazioni diverse da quelle prettamente scolastiche e formulare proposte da sottoporre alle amministrazioni locali.