Discipline regolatorie del Farmaco, consegnati i diplomi

Il titolo è stato conseguito da 23 corsisti. Nel corso della cerimonia alla Torre Biologica è stato assegnato a Sarha Cupri il premio per la “Miglior tesi”

7 Marzo 2017
Alfio Russo

Ventitré studenti hanno conseguito stamattina il diploma del Master di secondo livello in Discipline regolatorie del Farmaco, a conclusione del “Graduation Day” che si è tenuto nell'aula magna della Torre Biologica "Ferdinando Latteri". Hanno ricevuto le pergamene i dottori Roberta Bonfanti, Stefania Bonina, Simona Deborah Maria Pia Chiarenza, Giuseppe Consoli, Sarha Cupri, Maria Rosa Di Benedetto, Graziella Di Salvo, Gaetana Tatiana Diana, Flavia Frasca, Agata Katia Giuffrida, Peter La Rocca, Cinzia Lombardo, Federica Longo, Alessia Narciso, Chiara Noto, Rosario Gabriele Papa, Glenda Pennisi, Rosetta Pulvirenti, Carla Savoca, Anna Schillaci, Giorgia Spampinato, Barbara Tomasello e Salvatore Ventura.

Nel corso della cerimonia, inoltre, è stato consegnato anche il premio per la “Miglior tesi” a Sarha Cupri, per un elaborato dal titolo “Le indicazioni per una nuova governance del farmaco” e il prof. Gioacchino Calapai dell’Università di Messina ha tenuto una lectio magistralis sugli aspetti regolatori dei prodotti di origine vegetale per la salute.

«Si tratta di un master tra i più importanti e tra i più apprezzati dagli studenti dell’Ateneo di Catania, anche per gli ampi sbocchi occupazionali che offre» ha sottolineato il rettore Francesco Basile durante il suo intervento. Dati alla mano, il coordinatore del corso Filippo Drago, direttore del dipartimento Biometec, ha evidenziato infatti che «il 90% dei corsisti entro due anni dal conseguimento del master riesce ad inserirsi nel mondo del lavoro, è quindi un titolo di studio con un elevato grado di spendibilità». «Per questi motivi, da ben 14 anni, organizziamo il Graduation Day che rappresenta non soltanto l’atteso momento di conclusione del percorso formativo, ma anche l’occasione per discutere di un corso di studi post-laurea che si inserisce nell’ambito di un dibattito di grande rilevanza nazionale nell'area della gestione del farmaco, e anche di aggiornamento sul tema delicato delle discipline regolatorie» ha aggiunto il prof. Drago, alla presenza del direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria “Policlinico”, Salvatore Paolo Cantaro.