Diritto allo studio: i presidenti degli Ersu fanno il bilancio del primo biennio

Avviata nuova intesa per rafforzare servizi e benefici agli studenti. Presenti all'incontro Giuseppe Di Miceli (Palermo), Pierangelo Grimaudo (Messina), Livio Cardaci (Enna) e Salvatore Cannizzaro (Catania)

10 Novembre 2021
Ufficio stampa Ersu Catania

Si è concluso ieri nella sede dell'Ersu di Palermo il vertice dei presidenti degli Ersu siciliani Giuseppe Di Miceli (Palermo), Pierangelo Grimaudo (Messina), Livio Cardaci (Enna) e Salvatore Cannizzaro (vicepresidente di Catania, delegato dal presidente etneo Mario Cantarella).

Preliminarmente, a poco più di un anno dal primo vertice degli ERSU tenutosi a Messina, sono state esaminate le misure messe in campo per fronteggiare la pandemia da Covid-19, nonché le azioni da mettere in atto per gestire in sicurezza l’erogazione di servizi e dei benefici agli studenti per l’anno accademico 2021/2022 appena iniziato.

Si è proceduto, quindi, all’esame del bilancio del primo biennio di attività del nuovo corso iniziato con l’insediamento dei Consigli di amministrazione e dei presidenti dei quattro Ersu siciliani nel dicembre di due anni fa, e si è evidenziato come grazie alle azioni comuni adottate con l’impulso e il sostegno dell’assessore Roberto Lagalla e del governo Musumeci si siano potute rafforzare le politiche finalizzate al diritto allo studio, con il risultato - per la prima volta in Sicilia - di avere liquidato nell’anno accademico appena terminato il 100% delle borse di studio (con benefici che arrivano sino a 6.000 euro a studente) necessarie per la platea dei circa 30mila studenti aventi i requisiti e facenti parte dei circa 100mila studenti che frequentano università, accademie e conservatori musicali della Sicilia.

I presidenti degli ERSU hanno poi condiviso un documento sul tema del personale del Comparto Regione in servizio presso gli Ersu (Regione siciliana ed ex EAS), prendendo atto della necessità che si velocizzino le procedure già avviate da governo e sindacati relative alla riclassificazione di tutto il personale finalizzate, in particolare, al riconoscimento di professionalità e titoli del personale in servizio che, ormai da venti anni, non vede possibilità di sviluppo di carriera all’interno dell’Amministrazione.

Un nuova intesa per rafforzare servizi e benefici agli studenti attraverso nuove strategie di comunicazione è stato un altro punto al centro dell’incontro di Palermo: obiettivo è quello di raggiungere una sempre più vasta platea di giovani per offrire la conoscenza delle opportunità presenti per fruire del diritto allo studio di livello universitario.

I presidenti degli ERSU hanno anche deciso di sottoscrivere apposite convenzioni per consentire lo svolgimento del servizio civile presso gli Ersu con il fine di dare più servizi agli studenti attraverso l’impiego dei giovani aderenti al servizio civile.

Si sono conclusi i lavori dopo avere esaminato il tema della residenzialità universitaria, con l’obiettivo di offrire maggiore disponibilità di posti letto, utilizzando le risorse della Legge 338/2000 e dei flussi finanziari previsti sul tema dal PNRR costituite dal 300milioni di euro su questo asse di investimento nazionale. Su questo argomento è stato anche previsto di attivare sinergie tra gli uffici degli ERSU per attirare in Sicilia le maggiori risorse possibili per potenziare così la residenzialità universitaria siciliana.

 Pierangelo Grimaudo (Messina), Salvo Cannizzaro (Vicepresidente Catania), Livio Cardaci (Enna), Giuseppe Di Miceli (Palermo)

Da sinistra Pierangelo Grimaudo (Messina), Salvo Cannizzaro (vicepresidente Catania), Livio Cardaci (Enna), Giuseppe Di Miceli (Palermo)