Conferito agli studenti Mario Cianciolo e Grigori Valenti il “Premio Archimede”

A consegnare il premio il prof. Giovanni Gallo, direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica

27 Luglio 2018
Alfio Russo

È stato conferito questa mattina agli studenti Mario Cianciolo e Grigori Valenti il “Premio Archimede”, assegnato ogni anno, dal 2005, ai laureati dei corsi di laurea in Informatica di primo livello e Magistrale dell’Università di Catania che si sono particolarmente distinti per il loro lavoro di tesi e per la loro carriera accademica.

A consegnare il premio, per l’anno accademico 2016-2017, al dott. Cianciolo per la laurea di primo livello e al dott. Valenti per la magistrale, è stato il prof. Giovanni Gallo, direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica.

“Questo premio rappresenta un riconoscimento per i due studenti premiati, per tutti i laureati che hanno raggiunto un importante traguardo formativo e per i docenti dei corsi di laurea del nostro dipartimento impegnati nel migliorare sempre più la didattica e la ricerca – ha spiegato il prof. Gallo, nel corso della cerimonia che si è tenuta nell’aula magna del dipartimento di Matematica e Informatica, alla presenza dei presidenti dei corsi di laurea in Informatica di primo livello, Filippo Stanco, e magistrale, Salvatore Riccobene -. Si tratta di un obiettivo per noi docenti del dipartimento per far sì che i nostri corsi di laurea possano migliorare la posizione attuale nelle classifiche che ci attestano tra i primi tre-quattro in Italia”.

Il dott. Cianciolo si è laureato il 30 novembre dello scorso anno con una tesi dal titolo "Migrare applicazioni legacy nel cloud: Application modernizing tramite microservices" con tutor il prof. Giuseppe Pappalardo.

Il secondo premiato, il dott. Valenti, ha conseguito la laurea il 30 novembre con una tesi dal titolo "Colorazione equa di grafi tramite computazione naturale e partizione di interi" con tutor il prof. Vincenzo Cutello.

La Commissione giudicatrice quest’anno era formata dai docenti Domenico Cantone, Gianluca Cincotti e Vincenzo Cutello.