Campionati nazionali universitari, al via il countdown

Dal 9 al 18 giugno Catania ospiterà l'edizione 2017 della manifestazione sportiva che coinvolgerà migliaia di studenti provenienti da tutti gli atenei d’Italia che si sfideranno in oltre venti discipline

10 Maggio 2017

E’ partito il countdown per i Campionati nazionali universitari (Cnu) 2017, che si terranno a Catania dal 9 al 18 giugno. L’evento coinvolgerà migliaia di studenti/atleti provenienti da tutti gli atenei d’Italia. I partecipanti si sfideranno in oltre venti differenti competizioni sportive. Tra queste, quattordici discipline (atletica, calcio a 5, calcio a 11, judo, karate, pallacanestro, pallavolo, pugilato, rugby a 7, scherma, taekwondo, tennis, tennistavolo, tiro a segno) costituiranno il main event della rassegna sportiva. A tali sport si aggiungeranno quattro criterium (arrampicata sportiva, beach volley, lotta e tiro a volo) e sei tornei promozionali (calcio a 5 femminile, hockey a 5, pallacanestro 3x3 in carrozzina, pallamano, scacchi e triathlon).

La maggior parte delle competizioni avrà luogo negli impianti del Cus Catania , che per l’occasione ha operato un sostanzioso restyling. A partire da gennaio è stata rinnovata la pista d’atletica e il manto erboso su cui si svolgeranno le gara di rugby a 7. Parallelamente sono stati rinnovati anche i campi da tennis del “PalaArcidiacono” e il parquet del “PalaCus”. Altrettanti interventi hanno interessato gli altri impianti destinati ad ospitare le competizioni. La manifestazione andrà altresì in scena, al “Palaghiaccio”, al “PalaCatania”, al “PalaNitta, al “PalaSpedini” al Lungomare e negli impianti di tiro a segno e di tiro a volo rispettivamente ubicati a San Giuseppe La Rena e a Ramacca. Il torneo di calcio a 11, invece, si terrà negli impianti di “Torre del Grifo”. Sarà, dunque, un happening di ampio respiro, che coinvolgerà Catania a 360 gradi come una vera e propria “olimpiade universitaria”.

E proprio su questo aspetto non ha mancato di pronunciarsi : “Abbiamo l’onore di ospitare nuovamente i Cnu a distanza di 12 anni - ha spiegato Luca Di Mauro, presidente del Cus Catania e capofila del progetto-. Catania avrà l’opportunità di vivere in prima persona un evento che negli anni passati ha fatto registrare 6000 presenze nei territori interessati dalla manifestazione. Pertanto siamo al cospetto non solo di un momento significativo per lo sport universitario, ma anche di una preziosa vetrina per la città e più in generale per la Sicilia. Per tali ragioni la macchina organizzativa lavora alacremente da mesi al fine di dare adeguato lustro all’evento". "Vorrei ringraziare – ha aggiunto Di Mauro - il rettore Francesco Basile, il sindaco Enzo Bianco e l’Assessore regionale allo Sport Anthony Barbagallo senza i quali questo importante appuntamento non avrebbe potuto prender forma”.